OSTEOPATIA E MAL DI SCHIENA

A cura del Dott. Bruno Donati, Fisioterapista-Osteopata

Per saperne di più: Studio Donati, via Prato del Cavaliere 6 – Cerveteri (RM) – Tel 06.97248123 / 339.7412831 – [email protected]studiodonatifisioterapia.it

Facebook: https://www.facebook.com/Studiodonatifisioterapia/

Il più noto dei mal di schiena è il cosiddetto colpo della strega, che arriva intenso ed improvviso nella parte inferiore mentre si sta spostando un peso. Poiché il peso del corpo si è scaricato soprattutto sulla zona lombare, lo stato di sofferenza e i dolori che ne derivano vengono definiti ‘lombalgia’, un’entità clinica largamente benigna che migliora spontaneamente in poche settimane, riservando i maggiori problemi (mal di schiena cronico) ad un ristretto numero di soggetti. In inglese, il dolore è definito in modo più appropriato: low back pain, dolore alla parte bassa della colonna. Il dolore è a sbarra, cioè trasversale nella parte lombare con possibile irradiazione al nervo sciatico (lombosciatalgia).

Quando è cronicizzata, la lombalgia può essere riacutizzata da determinate posture: ad es, stare troppo tempo in piedi nella stessa posizione o seduti durante la guida in auto per lunghi percorsi. Questa patologia interessa almeno l’80% della popolazione almeno una volta nella vita.

A soffrirne maggiormente sono le persone con un’età compresa tra i 30 e i 50 anni, ma non mancano casi di ragazzi che hanno meno di 20 anni. Le condizioni che possono determinare la causa ed il persistere della lombalgia sono numerose, a volte anche non localizzate nella colonna vertebrale.

L’obiettivo della diagnosi osteopatica è quello di stabilire con successo le diverse cause che inducono allo sviluppo e alla manutenzione del dolore nel paziente.

LE CAUSE PIÙ COMUNI

  • Blocco articolare vertebrale, sacro, iliaco e sinfisi pubica.
  • Compressione di un nervo (sciatico, femorale, ecc.).
  • Disfunzione articolare dell’anca, ginocchio, caviglia/piede.
  • Disfunzioni delle curve vertebrali (iperlordosi e ipercifosi, atteggiamento scoliotico o verticalizzazione della colonna).
  • Problematiche viscerali (spasmi del colon sigmoideo, fissazione del rene, congestione pelvica).
  • Aderenze cicatriziali (taglio cesareo, appendicectomia).
  • Non corretto stile di vita del paziente (lavoro, postura, alimentazione, stress).

IL TRATTAMENTO OSTEOPATICO

Il lavoro dell’osteopata sarà scegliere il miglior percorso terapeutico per il paziente, basandosi sulla palpazione, l’osservazione e soprattutto su un’attenta e approfondita diagnosi; non sottovalutando, comunque, ove necessario, il ricorso a più approfondite valutazioni (tipo RMN, TAC), indirizzando a specialisti professionisti (Neurologi, Ortopedici, ecc.).

Attraverso specifiche tecniche manuali, l’osteopatia agisce sulle disfunzioni della colonna vertebrale che sono all’origine delle discopatie, cercando di recuperare un’armonia funzionale. Sia per protrusioni sia per ernie del disco, l’osteopatia non ha controindicazioni se effettuata da un professionista esperto, anche durante la fase acuta di dolore, tanto che in alcuni casi può ridurre o sostituire l’uso di farmaci antinfiammatori o analgesici. Il numero di sedute, con frequenza settimanale o quindicinale, dipende dall’entità del problema. Il trattamento osteopatico è spesso il più efficace intervento per provare a correggere questo genere di problemi. La maggior parte delle persone pensa che il dolore alla schiena sia il risultato di un trauma.

In realtà, ci sono molte malattie che si manifestano con i sintomi del mal di schiena o problemi pelvici: dolori addominali, stati di ansia, artrite, spondilosi cervicale o lombare, problemi dermatologici, patologie renali, condizioni reumatiche, tumori. Gli osteopati sono esperti nel diagnosticare problemi che possono richiedere ulteriori accertamenti o trattamenti medici.

In questo caso, il trattamento osteopatico è comunque utile per far diminuire il dolore o lo stress che queste patologie comportano, includendo tecniche manuali di manipolazione e mobilizzazione articolare, muscolare e dei tessuti molli. Compito dell’osteopata non è solo quello di somministrare il trattamento, ma anche di dare consigli su come mantenere i risultati ottenuti, tramite, ad es, della ginnastica posturale individuale.

 

A proposito dell'autore

ilPunto Magazine, rivista di Enogastronomia & Turismo. La prima e unica pubblicazione di settore del comprensorio a nord di Roma, distribuita gratuitamente e capillarmente, ad occuparsi sistematicamente di turismo ed enogastronomia, di ristorazione e prodotti locali, di informazione ed enomarketing, di eventi e cultura del buongusto, di nuove mode e tendenze turistiche.

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata