PASTA FREDDA, CHE BONTÀ!

TIPICAMENTE ESTIVA, FRESCA, LEGGERA, GUSTOSA E MOLTO SPESSO RICCHISSIMA DI VERDURE DI STAGIONE, È PERFETTA PER CHI NON VUOLE RINUNCIARE AL PIACERE DELLA PASTA ANCHE NELLE AFOSE GIORNATE D’ESTATE

di Roberta D’Ancona, giornalista e food blogger.

Per saperne di più: [email protected] / http://incucinaconroberta.blogspot.it/

 

ALCUNI SUGGERIMENTI UTILI

  • È PREFERIBILE utilizzare formati di pasta di tipo corto, come penne, fusilli, rigatoni.
  • ATTENZIONE ALLA COTTURA: la pasta deve essere al dente, così da renderla più gradevole al gusto.
  • QUANTO AI CONDIMENTI, la pasta fredda si può preparare in tantissime varianti a scelta, semplicemente cambiando uno o più ingredienti. Possiamo ad es. prepararla con verdure lessate o grigliate, mais, pollo, pesce e condire il tutto semplicemente con un filo di olio extravergine d’oliva. Insomma, l’unico limite alla preparazione di questi piatti è unicamente la vostra fantasia.
  • UNA VOLTA COTTA LA PASTA, scolatela e mettetela a freddare velocemente su della carta forno. Massaggiatela con un filo di olio extravergine di oliva che vi aiuterà a tenerla ben separata. Non passatela sotto l’acqua, altrimenti rischierete di ritrovarvi una pasta collosa sotto ai denti.

LA PASTA INTEGRALE

Dal punto di vista della salute la pasta integrale è la più nutriente, ricca di fibre, sali minerali e vitamine contenute nella crusca e nel germe, inoltre evita i picchi glicemici.

L’IDEA IN PIÙ

Se poi volete una pasta leggermente colorata, durante la bollitura potete aggiungere all’acqua dello zafferano o qualche cucchiaino di curcuma o paprika.

AL POSTO DELL’OLIO

Possiamo sostituire l’olio con due cucchiai di pesto o ridurre ancora le calorie utilizzando formaggi light freschi e leggeri.

NON SOLO TONNO

Il tonno, comunemente utilizzato nella preparazione di questi piatti, può essere sostituito con salmone, pollo arrosto, gamberetti, cozze e vongole e altro ancora.

IL CONSIGLIO

Potete prepararla in anticipo e lasciarla insaporire in frigorifero, potete arricchirla persino con un mix di frutti e verdure che si sposano molto bene insieme. O, ancora, utilizzare frutta secca, legumi, semi, germogli, erbe aromatiche e creare ogni volta un piatto nuovo e saporitissimo.

 

FA BENE ALLA SALUTE

La pasta fredda entra, tra l’altro, di diritto tra gli alimenti ideali per la dieta.

La pasta, infatti, contiene amidi che, se cotti e lasciati freddare, contengono una quota doppia di ‘amido resistente’ (normalmente pari al 70%), che è quella frazione dell’amido sempre più studiata dai ricercatori per i suoi effetti positivi.

L’AMIDO MANGIA GRASSI

Da alcune indagini condotte presso il Dipartimento di Scienza dell’Alimentazione dell’Università di Parma, pare che: “L’amido resistente sia una frazione dell’amido che in seguito al raffreddamento assume una struttura inattaccabile dagli enzimi digestivi umani e quindi, diminuendo la quantità di amido digeribile ed assimilabile, riducono la densità energetica dell’alimento”.

In sostanza, l’amido raffreddato può svolgere una sorta di funzione mangia grassi.

PROTEGGE L’INTESTINO

Le paste fredde tra l’altro pare abbiano anche una funzione protettiva dell’intestino.

Poiché l’amido resistente arriva nell’intestino praticamente indenne resistendo ai succhi gastrici, con tutte le sue proprietà, riesce ad interagire con la flora batterica intestinale in modo da proteggere il sistema gastrointestinale da malattie degenerative, come il morbo di Crohn e altre ancora.

ECCO UN ESEMPIO!

Basta mettere insieme della pasta condita con qualche pomodorino fresco, una manciata di olive, un po’ di noci, delle mozzarelline per creare un ottimo piatto che, oltre che bello fa anche bene.

I pomodori, infatti, sono antiossidanti, le olive hanno un buon potere saziante, le noci sono ricche di omega 3, gli acidi grassi essenziali che fanno bene alla salute.

Se poi la pasta è integrale, allora sarà ancora più ricca di fibre che stimolano il regolare funzionamento del nostro intestino.


LA RICETTA

PASTA FREDDA CON ORTAGGI E LEGUMI

Ingredienti // per 4 persone

300g sedani rigati, 1 confezione di fagioli rossi, 100g pomodorini tipo Pachino, una manciata di fagiolini, 1 peperone cornetto giallo, 1 peperone cornetto rosso, basilico fresco, origano secco, olio extravergine d’oliva, sale e pepe.

Procedimento

Cuocete la pasta, lasciandola leggermente al dente. In una ciotola mettete i fagioli rossi ben sciacquati e sgocciolati, i fagiolini leggermente scottati, il peperone giallo e quello rosso, tagliati a striscioline e a crudo, il basilico a pezzetti. Aggiungete la pasta, che nel frattempo avrete cotto e lasciato raffreddare; infine, insaporite il tutto con un filo d’olio, il sale, il pepe e una manciata di origano secco. Amalgamate il tutto e lasciate riposare prima di gustare.

  • Difficoltà: SEMPLICE
  • Preparazione: 12 MIN.
  • Cottura: 10 MIN.

LA RICETTA

FARFALLE CON PESTO DI FAGIOLINI E POMODORINI

Ingredienti // per 4 persone

350g farfalle, 200g fagiolini, una manciata di pinoli, 100g formaggio grana grattugiato, 1 spicchio d’aglio, una manciata di foglie di basilico, qualche pomodorino tipo Pachino, olio extravergine d’oliva, sale e pepe.

Procedimento

Cuocete le farfalle, lasciandole leggermente al dente. Freddatele, versandole su un foglio di carta forno e aggiungendo un filo d’olio. Intanto lessate leggermente i fagiolini, freddateli in acqua e ghiaccio e passateli al mixer, unendo lo spicchio d’aglio, i pinoli, le foglie di basilico e il formaggio grana. Aggiungete a filo l’olio ed emulsionate fino ad ottenere un pesto omogeneo. Versate il pesto sulla pasta, all’interno di una ciotola capiente, poi mescolate con cura in modo da amalgamare bene il tutto. Aggiungete qualche pomodorino spaccato a metà e qualche fagiolino a pezzetti, insaporite con un pizzico di sale e pepe macinato al momento e lasciate riposare.

  • Difficoltà: MEDIA
  • Preparazione: 25 MIN.
  • Cottura: 10 MIN.

 

 

A proposito dell'autore

ilPunto Magazine, rivista di Enogastronomia & Turismo. La prima e unica pubblicazione di settore del comprensorio a nord di Roma, distribuita gratuitamente e capillarmente, ad occuparsi sistematicamente di turismo ed enogastronomia, di ristorazione e prodotti locali, di informazione ed enomarketing, di eventi e cultura del buongusto, di nuove mode e tendenze turistiche.

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata