LADISPOLI, 31 AGOSTO. Incontriamo il campione di MMA (arti marziali miste) Alessio Sakara in occasione del 1° torneo di Beach Rugby del litorale nord promosso dalla URL (Unione Rugby Ladispoli) . La prima cosa che colpisce di Alessio è la sua grande umiltà, nonostante sia uno dei più forti fighter e l’unico Italiano ammesso al prestigioso torneo UFC. La sua popolarità nel mondo è cosi grande che lo hanno addirittura trasformato in un personaggio animato della popolarissima serie SouthPark, oltre  ad avere un Avatar virtuale su numerosi giochi per la playstation dedicati al mondo delle MMA! Qui in patria lo stiamo scoprendo solo da pochi anni e lo abbiamo visto in due trasmissioni televisive: una sul canale DMAX, che gli ha dedicato un documentario a puntate sulla sua vita (Sakara il legionario); l’altra è il popolarissimo reality game Pechino Express dove gareggia in coppia con un suo amico d’infanzia.

Alessio, parlaci del tuo sport, visto che in Italia non è ancora molto seguito.

Se me lo avessero chiesto dieci anni fa, avrei risposto che le MMA sembrano una rissa da strada. Ma adesso, dopo anni che ci sto dentro, lavoro in tutto il mondo per far capire alla gente che non è così: ci vuole molta tecnica e sopratutto è una filosofia di vita! Saper soffrire e uscire dalle difficoltà nella gabbia è come nella vita reale. Spesso anche nella vita ci capitano dei knockout: in quei momenti bisogna imparare a rialzarsi, continuare a combattere e andare avanti.

Come vedi l’ambiente Italiano delle MMA, tu che ormai lavori da molti anni all’estero?

Purtroppo in Italia ci sono ancora molte persone che sfruttano la popolarità di questo sport e insegnano tutt’altro, tanto per fare soldi. Quando ho iniziato io in Italia questo sport era praticamente sconosciuto, così a 18 anni mi sono venduto la moto  e sono andato in Brasile per imparare direttamente dai maestri. So che magari non tutti possono fare una scelta così drastica, così ho deciso di girare tutta Italia per fare stage e dare una chance a più persone possibile per migliorare. Sai, la mia più grande soddisfazione sarebbe quella di riuscire a portare qualche altro atleta Italiano prima a combattere all’estero e poi all’UFC, per far vedere al mondo che ci siamo anche noi, che non siamo solo ‘mandolino e tarantella’ ma che sappiamo combattere e farci valere come i nostri antenati.

Parliamo della tavola, come si nutre un campione dell’UFC?

Tasto dolente (scherza)! Purtroppo ora sto facendo il peso per il prossimo combattimento che si terrà a Manchester il 26 ottobre. Attualmente mangio solo verdure e proteine, il classico petto di pollo e insalata (ride). E pensare che a me piace tantissimo mangiare, ogni volta dopo l’incontro mi abbuffo di pasta e pizza! Ma la mia gioia sono i dolci e soprattutto il gelato!

E noi il 26 ottobre saremo tutti davanti alla tv a sostenere il nostro legionario ‘de Roma’, forza Alessio!

(di Marco Palombi e Fabrizio Del Re, copyright ilPunto Magazine)

Si ringrazia l’Unione Rugby Ladispoli

Facebook: Unione Rugby Ladispoli (URL) www.rugbyalparco.bloog.it

A proposito dell'autore

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata